Project Description

DOVE
Tempietto ai Caduti
Piazza Libertà, Porticato di San Giovanni

ORARI DI APERTURA
1 – 9 giugno
tutte le sere dalle 18.30 alle 23

INAUGURAZIONE
Sabato 1 giugno ore 15


Visualizza mappa ingrandita

ANTONIO DELLA MARINA E ALESSANDRA ZUCCHI
Untitled War

Omaggio al Monumento ai Caduti di Piazza Libertà
Soprano: Christie Finn

Il Tempietto ai caduti al centro del portico di San Giovanni merita senz’altro attenzione anche per la sua acustica. Il suo lungo riverbero naturale offre una meraviglia a chi lo prova e rappresenta un contesto particolarmente adatto per l’espressione lirica. Spesso e in particolare la notte, i musicisti di strada a Udine si siedono di fronte al suo ingresso per abbellire la propria voce grazie al generoso riverbero che il Tempietto produce.

Come artisti e come udinesi, grazie a questo festival, abbiamo colto l’occasione di rendere omaggio alla nostra città e al suo monumento più centrale con un allestimento di suono e luce.

All’angelo di rame nero che si staglia nel suo abside costellato di nomi abbiamo pensato di dare la voce di un soprano, un canto di sottofondo dedicato ai caduti di tutte le guerre. Con la luce magenta abbiamo scelto di rappresentare contemporaneamente il sacro fuoco della vita e accidentalmente di rendere omaggio alla ricorrenza dei 160 anni dalla battaglia di Magenta, episodio sanguinoso e cardine del risorgimento italiano. 

Come il futuro, che è precluso all’esperienza ma in qualche modo percepibile, il pubblico può ascoltare e vedere l’allestimento solamente attraverso le grate.

Antonio Della Marina è un artista e compositore di musica elettronica che concentra la sua ricerca sull’esplorazione delle proprietà fisiche del suono e sui sistemi di accordatura derivati dalle leggi degli armonici naturali. Le sue composizioni sono vere e proprie sculture di suono per la cui realizzazione usa astrazioni matematiche e generatori da lui appositamente costruiti. Architetto e artista multimediale, Alessandra Zucchi lavora principalmente sulla percezione fisica e psicologica dello spazio. Si avvale per la sperimentazione di materiali inconsueti in abbinamento a combinazioni di suoni, luci, colori. Utilizza immagini da lei raccolte e rese astratte per dar vita a trompe-l’oeil scenici totali.

Compagni nella vita e nell’arte, Della Marina e Zucchi hanno esposto le loro opere in gallerie e festival internazionali tra cui Angelica Festival a Bologna, Fondazione Cini a Venezia, Neue Musik a Vienna, Electro Media Works ad Atene, Salon Bruit a Berlino, Logos Foundation a Gand, Fàbrica do Braço de prata a Lisbona, Skolska28 Gallery a Praga, Pixxelpoint a Nova Gorica, Lydgalleriet a Bergen ed Experimental Intermedia a New York.

Dichiaratamente ispirati dalla Dream House di La Monte Young e Marian Zazeela e dalle suggestioni di artisti come James Turrell, Dan Flavin, Verner Panton e altri visionari, Della Marina e Zucchi non privilegiano il linguaggio del concerto dal vivo, ma creano luoghi ove entrare per mettersi in ascolto e vivere l’esperienza di un viaggio dentro al suono in un ambiente totale.
Dal 2011 curano e gestiscono a Udine Spazioersetti, una galleria/laboratorio di arte che ospita in forma permanente una loro installazione di suono e luce aperta al pubblico con cadenza settimanale. [ www.spazioersetti.it ]

WHERE
Tempietto ai caduti
entrance under the old clock tower
Piazza Libertà

OPEN
June 1st – 9th
Every day from 6.30 to 11pm

INAUGURATION
Saturday June 1st at 3pm

ANTONIO DELLA MARINA E ALESSANDRA ZUCCHI
Untitled War

Sound and light set for the monument to the victims of all wars
Voice: Christie Finn

The ‘Tempietto ai caduti’ in the center of ‘portico di San Giovanni’ surely catches one’s attention for its acoustics. Its long natural reverberation offers a wonderful experience to those who try it and represents a particularly suitable context for the lyric expression. Often and especially at night, street musicians in Udine sit in front of its entrance to embellish their own voice thanks to the amplification effect that the Tempietto produces. As artists and Udine citizens, thanks to this festival, we took the opportunity to pay a tribute to the most central monument of our city with a sound and light installation. To the black copper angel that stands out in its apse dotted with names, we thought of giving the voice of a soprano, a background song dedicated to the fallen of all wars. With the magenta light we have chosen to simultaneously represent the sacred fire of life and accidentally pay tribute to the 160th anniversary of the battle of Magenta, a pivotal episode of the Italian Risorgimento. The gates of the Tempietto will be closed as usual and the public will be able to listen and see the exhibition only through the grates.

Antonio Della Marina is an Italian electronic composer and sound artist who has focused on working with sinusoids since nearly two decades. Clearly influenced by the minimalist avant-garde of the American east coast in the sixties and seventies, his work exploits the physical properties of sounds and the use of microtonal tuning systems. He uses mathematical abstractions and custom built sound generators to shape his compositions which are offered in the form of sonorous sound sculptures.

Alessandra Zucchi is an architect and media artist whose work mainly focuses on the relation between architectonic space and sensorial perception. She experiments with unusual materials and interweaving light, sound and spatial forms in unexpected combinations. Her videos are gentle and subtle moving light designs, illusionistic superimpositions of geometrical details composed to re-create the ambience and abolish time in favour to a contemplative mood.

Partners in life and art, Della Marina and Zucchi use the language of sound and architecture in order to create scenic environments in which the audience is immersed. They have exhibited their works in galleries and festivals including the Angelica Festival in Bologna, Neue Musik in Wien, the Prague Quadriennale, Logos Foundation in Ghent, Pixxelpoint in Nova Gorica, Lydgalleriet in Bergen and in the legendary loft of Phill Niblock in New York.

[ antoniodellamarina.com | dreamspaces.it | spazioersetti.it ]